mensa largeL’attività dell’Osservatorio Mensa (O.M.), nel corso di questo anno scolastico 2016-2017, è iniziata nel mese di ottobre 2016 con le verifiche dei genitori nei locali di refezione scolastica. Tali verifiche hanno interessato TUTTI i Plessi dei vari Istituti Comprensivi, e si sono concluse nel mese di aprile 2017 con le conclusioni di seguito dettagliate.
Va detto che, oltre alle attività di verifica dei genitori, altre interessanti novità hanno riguardato questo anno scolastico.
Lo scorso autunno, alla ripresa delle attività, i genitori hanno deciso di porsi come obbiettivo quello di migliorare la comunicazione fra le parti coinvolte, in quanto, a nostro avviso, elemento fondamentale, ma carente, per una efficiente ed efficace attività dell’Osservatorio stesso.
A tal fine abbiamo creato un gruppo pubblico facebook denominato “La mensa che vorrei” aperto a tutti gli interessati, con lo scopo di confrontarsi, discutere, proporre ed approfondire tutte le tematiche relative al servizio di refezione scolastica.
Sempre in coerenza con lo scopo prefissato, a novembre, come richiesto, si è riunita la Commissione (Osservatorio), al fine di poter pianificare e in tempi utili le attività; ricevere e fornire, informazioni sul nuovo sistema di pagamento dei ticket mensa.
Inoltre, era fondamentale per i genitori, conoscere meglio l’organizzazione della Ditta ed individuare un Responsabile in maniera tale da rendere più dirette ed efficaci le comunicazioni, specie in caso di necessità o segnalazioni.
Anche in questo caso, la nostra richiesta è stata prontamente accolta. Abbiamo incontrato il dott. Scotti, direttore di produzione area centro, della ditta appaltatrice della refezione scolastica che si è
mostrato, sin da subito, molto collaborativo e disponibile, come in precedenza avevano gia' fatto i suoi collaboratori. Abbiamo colto l'occasione per confrontarci sui diversi aspetti del delicato servizio e sulla sua esperienza al riguardo. Soprattutto dopo quell’incontro abbiamo continuato, con il suo staff, un confronto continuo. Ogni necessità, seppur minima, ci è sembrata molto più semplice da verificare e superare. Il team, composto dal Sig. Giovanni Albino e Sig Guido Grossi, è stato molto presente durante le verifiche mostrando attenzione ed interesse nei confronti del servizio e della nostra attività. Il personale addetto alla distribuzione dei pasti, era sempre in ordine e mostrava sensibilità e scrupolosità nell’applicazione delle procedure. Sul servizio, abbiamo notato un progressivo miglioramento nel corso di questo anno ed un sensibile salto di qualità rispetto agli anni precedenti.
A fine novembre grazie alla disponibilità della Dott.sssa Galante (Dirigente S.I.A.N.), i membri dell’O.M. hanno potuto approfondire, in un evento formativo appositamente creato, gli aspetti relativi ad una corretta nutrizione volta al benessere dei bambini.
Nel corso dell’evento, presso l’Istituto Monti, abbiamo fatto il punto della situazione riguardo al menù cercando di apportare qualche aggiustamento (con rif. al pesce assente in alcune settimane, frittata da sostituire ecc). Su questi aspetti si sta ancora lavorando.
Abbiamo lanciato dei sondaggi sulla pagina facebook allo scopo di reperire informazioni sul gradimento, anche attraverso questa modalità comunicativa.
Attraverso il “passa parola” i genitori hanno potuto scambiarsi informazioni utili. Specie nel delicato processo di avvio del nuovo sistema di pagamento dei ticket mensa.
L’informatizzazione del servizio avvenuta sempre nel mese di novembre, attraverso il “Borsellino Elettronico” ha rivoluzionato il sistema di pagamento e di controllo della contabilità dei pasti erogati dalla Ditta. Cosicchè ogni genitore è in grado di verificare una serie di informazioni in tempo reale, anche attraverso l’App. dedicata; mentre Comune e Ditta riescono a gestire più facilmente vari aspetti relativi ai loro controlli. E’ stato un grande beneficio per tutti.
In questa delicata fase, abbiamo avuto diretto contatto con gli uffici dell’Azienda Speciale, trovando sempre disponibilità e possibilità di poter informare prontamente i genitori.
Direi che tutto si è svolto senza problemi.
Dopo i dovuti controlli sulla corrispondenza dei pasti erogati e i ticket consegnati, per ogni singolo bambino, a gennaio, come annunciato, si è provveduto alla restituzione blocchetti non goduti, con accredito sul borsellino elettronico.
Per quanto riguarda, l’attività principale dei genitori dell’OM, l’esito delle verifiche ha evidenziato quanto segue.
Il primo piatto: ACCETTATO ovvero servito e consumato, anche in parte, almeno dai ¾ dei bambini;
Il secondo piatto: ACCETTATO ovvero servito e consumato, anche in parte, almeno dai ¾ dei bambini. Salvo qualche eccezione.
Il contorno: RIFIUTATO IN PARTE (servito e consumato, anche in parte, almeno da ¼ a ½ dei bambini) o RIFIUTATO (servito e consumato, anche in parte, da meno di ½ dei bambini);
La frutta: per quanto riguarda la frutta, non è stato possibile valutare il gradimento dei bambini, in quanto spesso, gli stessi, preferivano portala in classe per consumarla successivamente. Tuttavia, abbiamo provveduto ad assaggiarla noi dell’Osservatorio e sebbene il dato non sia rappresentativo, possiamo dire che la qualità era discreta ma variabile, a seconda dei frutti.
Alla luce di quanto emerge dalle verifiche, possiamo dire che il menù nel primo piatto e secondo piatto ottiene gradimento dagli utenti, fatta eccezione per la pietanza assolutamente rifiutata che è la FRITTATA.
La verdura e la frutta fondamentali per la nostra dieta, spesso non sono gradite dai bambini (specie la verdura) però abbiamo notato che, a volte, le maestre dell’infanzia, con qualche “ingegnoso trucchetto” (tipo la frutta quando hanno fame, la verdura nel pane/panino e persino la nostra presenza) riescono a rendere questi alimenti più accettabili.
Forse, con qualche escamtages, si può riuscire a rendere piacevoli anche le pietanze più ostiche, come la frittata, proponendo le uova in un altro formato, oppure verdure proponendole più colorate o crude e quindi croccanti ecc. Lo stesso per la frutta indirizzando la scelta su frutti più appetibili.
Siamo certi che si può migliorare, ma su questo dobbiamo lavorare tutti, anche noi genitori a casa sull’alimentazione dei nostri bambini.
Mi auguro, per il prossimo anno, che i progressi possano continuare nel tempo, ed anche il servizio mensa possa coincidere sempre di più con l’inizio delle attività scolastiche.
In conclusione si può affermare, che quest’anno è stato un anno senza dubbio positivo, finalmente si stanno aprendo le strade per intraprendere un rapporto duraturo nel tempo, basato su scambi di opinioni, segnalazioni e proposte migliorative, senza difficoltà di comunicazione.
Mi auguro che, per il prossimo anno, anche grazie all’apporto di nuove risorse, si riesca a fare ancora meglio.
Auguro a tutti buone vacanze.
Presidente Osservatorio Mensa
Melissa Tomao