pon70

iscrizioni

Il Sistema nazionale di valutazione (SNV) costituisce una risorsa strategica per orientare le politiche scolastiche e formative alla crescita culturale, economica e sociale del Paese e per favorire la piena attuazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche.

Il SNV è costituito da:

  • Invalsi: Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione e formazione
  • Indire: Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa
  • Contingente ispettivo

La valutazione delle scuole si realizza attraverso le seguenti quattro fasi:

  1. Autovalutazione: partendo da una serie di indicatori e di dati forniti dal MIUR, le istituzioni scolastiche sono chiamate a promuovere un'attività di analisi e di valutazione interna che si concretizza con l’elaborazione del Rapporto di autovalutazione (RAV).
  2. Azioni di miglioramento: in coerenza con il RAV, le scuole pianificano e avviano le azioni di miglioramento, che sono declinate nel Piano di Miglioramento (PDM).
  3. Valutazione esterna: è prevista l’attivazione della fase di valutazione esterna attraverso le visite alle scuole da parte dei nuclei di valutazione esterna.
  4. Rendicontazione sociale: dall'anno scolastico 2018/19, le scuole promuovono, a seguito della pubblicazione di un primo rapporto di rendicontazione attraverso modello comune a livello nazionale, iniziative informative pubbliche ai fini della rendicontazione sociale.

Per approfondire consulta il portale nazionale dedicato. (linkhttp://www.istruzione.it/snv/index.shtml)

logo immagine RAV

 

NAVIGA IL RAV SUL SITO DELLA SCUOLA IN CHIARO

L’Invalsi è un Ente di ricerca che gestisce il Sistema Nazionale di Valutazione e si occupa, tra l’altro, di:

  • predisporre annualmente i testi delle prove scritte di italiano, matematica e inglese, a carattere nazionale, volte a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti delle classi seconde e quinte della scuola primaria
  • predisporre annualmente i testi della prova scritta scritte di italiano, matematica e inglese, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti nell’esame di Stato al terzo anno della scuola secondaria di primo grado.

Per approfondire consulta il portale Invalsi (link http://www.invalsi.it/invalsi/index.php)

La legge 107/2015 “La Buona scuola” stabilisce che a decorrere dall’anno 2016 sia costituito presso il MIUR un apposito fondo del valore di 200 milioni di euro, rinnovato di anno in anno, destinato alla valorizzazione del merito del personale docente.

Nell’ambito di ogni istituzione scolastica è istituito il Comitato di valutazione che ha tra l’altro il compito di individuare i criteri di valutazione mentre l’assegnazione della somma, sulla base di una motivata valutazione, spetta al Dirigente scolastico.

La costituzione del Comitato non prevede maggiori oneri per la finanza pubblica, pertanto nessun compenso è previsto per i membri. Il Comitato dura in carica tre anni scolastici. I componenti dell’organo sono 7:

  • Dirigente Scolastico, che presiede il Comitato
  • tre docenti dell’Istituto, di cui due scelti dal Collegio dei docenti e uno dal Consiglio di Istituto
  • due rappresentanti dei genitori, scelti dal  Consiglio di Istituto
  • un componente esterno individuato dall’USR Lazio tra docenti, dirigenti scolastici e dirigenti tecnici.